I cavi di ricarica per le auto elettriche

Cavo di ricarica auto elettriche da Tipo 2 a Tipo 2 (Blu)

Non tutti i cavi per la ricarica di auto elettriche sono uguali, ma il mercato dei veicoli elettrici si sta muovendo verso protocolli standard, sia a livello Europeo che Internazionale


E’ oramai molto difficile non notare colonnine di ricarica elettrica nella città in cui abiti, se non addirittura nel tuo quartiere, a cui spesso sono collegati veicoli a zero emissioni in fase di ricarica. Alcuni di voi che hanno già un veicolo elettrico sono oramai diventati esperti per tutto quello che riguarda i sistemi di ricarica, sia domestica che pubblica, se non è addirittura già disponibile nel posto di lavoro.

Alcune tematiche le abbiamo già affrontate in altri articoli (Come ricaricare un’auto elettrica e Tempi di ricarica), ma per quelli di voi che invece si stanno interessando al mondo dei veicoli elettrici, e quindi hanno la necessità di capire meglio come districarsi tra i vari tipi di cavi e connettori, proviamo a riassumere qui gli aspetti principali per non sbagliare prima di prendere una decisione finale.



I fondamenti

  • Quando si ha bisogno di un cavo per la ricarica dell’auto elettrica? Beh, semplicemente ogni volta che si deve ricaricare il veicolo, indipendentemente che sia tramite un sistema di ricarica pubblico o privato o a casa. Se la wallbox di casa ha già un cavo integrato (si trova la definizione di “tethered“, in questo caso) allora non si avrà la necessità di utilizzare un cavo separato (nel caso di sistema di ricarica senza cavo integrato parliamo di “untethered“). In ogni caso, il cavo servirà ogni qualvolta si deve ricaricare l’auto presso una stazione di ricarica pubblica, per cui sempre meglio averne uno con sé. Ricordiamo che questo è valido sia per veicoli 100% elettrici (BEVs – Battery Electric Vehicles) sia per gli ibridi plug-in (PHEVs – Plug-in Hybrid Electric Vehicles).
  • I cavi per la ricarica sono disponibili in varie lunghezze, generalmente dai 2 m ai 25 m. Dal nostro punto di vista la versione migliore è quella da 5 m, arrivando a quelle da 8 m e 10 m per esigenze particolari, ma ovviamente è importante sapere che sono disponibili anche gli altri modelli nel caso servissero.
  • Il colore. Sembra di poco conto, e difficilmente nelle varie comunità on line che parlano di veicoli elettrici questo è un argomento di discussione, ma anche questo aspetto ha la sua importanza. Ovviamente non parliamo di abbinamento con i vostri capi di abbigliamento o il colore della macchina! Generalmente la maggior parte dei cavi vengono forniti di colore nero. No problem per questo. Ma a livello pratico, da parte nostra suggeriamo cavi colorati, e possibilmente con colori piuttosto ‘vivaci’. Se non vi è mai capitato, provate a far caso ad un punto di ricarica pubblica. Mi è capitato di recente di notare un paio di volte che un cavo di ricarica nero, posizionato in maniera non corretta, può invadere parte del marciapiede o della carreggiata. Durante le ore serali o notturne, o magari con un po’ di foschia o in una zona poco illuminata, un cavo di questo tipo non si vede, con il rischio per un pedone di inciampare o per un ciclista di cadere. Con un cavo colorato questo rischio è molto più basso.
  • E’ consigliabile anche avere una custodia per il cavo. Ce ne sono di diversi tipi, e hanno la funzione, oltre di garantire che il cavo non sporchi il bagagliaio quando lo riponiamo, di proteggerlo da potenziali danni dovuti all’interazione con altri oggetti o bagagli.
  • A livello tecnologico, sul mercato ci sono ancora diversi protocolli in circolazione, da cui diverse tipologia di cavi e connettori, ma almeno a livello europeo ci si sta avviando verso lo standard di Tipo 2 (IEC 62196). Anche la maggior parte di sistemi di ricarica sia pubblici che domestici hanno ormai connettori di Tipo 2, mentre il Tipo 1 è ancora lo standard in America e Giappone. In ogni caso tutti i connettori garantiscono, oltre al passaggio di corrente tra sistema di ricarica e veicolo, anche la comunicazione delle informazioni principali tra auto e colonnina (in primis stato della ricarica e kWh scambiati) , la salvaguardia della batteria e gli aspetti di sicurezza obbligatori per legge.


  • A livello di corrente elettrica, generalmente i cavi sono a 16 o 32 ampère. Se il vostro sistema di ricarica lo supporta, meglio acquistare un cavo da 32 ampère. L’altra scelta è tra monofase e trifase. Anche in questo caso dipende dall’uso che se ne fa, ma considerate che a casa i sistemi sono monofase, per cui se questo è l’utilizzo primario, meglio tenerne conto.
  • In ogni caso, chi ‘comanda’ è il vostro veicolo, visto che il connettore dovrà interfacciarsi con la vostra auto, per la ricarica. Per cui in caso di dubbio è sempre meglio verificare sul manuale di istruzioni dell’auto!

Vai sulla nostra home page ed iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sulle ultima novità. E seguici anche su Facebook, LinkedIn e Twitter o visita il nostro shop online per accedere ai migliori prodotti da noi selezionati nel mercato della mobilità elettrica.



Autore

Roberto Canu

Laureato in Ingegneria Elettronica, Roberto è il co-fondatore di GBSOLS S.r.l. (Green Building Solutions), società dedicata allo sviluppo del mercato dell’efficienza energetica e delle energie rinnovabili. In precedenza è stato co-fondatore di Myenergy S.r.l., che dal 2006 è cresciuta nel mercato del fotovoltaico in Italia, e ancora prima ha rivestito diversi ruoli manageriali in Hewlett Packard come responsabile di team internazionali e di progetti multi-organizzazione. E' parte dello staff manageriale di e-zoomed sin dall'inizio del progetto, con il ruolo di responsabile dello sviluppo in Italia e CTO del gruppo.

Acquista un cavo di ricarica

Iscriviti alla nostra newsletter

In questo sito sono utilizzati cookies tecnici necessari per migliorare la navigazione e cookies di analisi per elaborare statistiche.

Puoi avere maggiori dettagli visitando la Cookie Policy e bloccare l'uso di tutti o solo di alcuni cookies, selezionando Impostazioni Cookies.
Selezionando Accetto esprimi il consenso all'uso dei suddetti cookies.

Privacy Settings saved!
Privacy Settings

When you visit any web site, it may store or retrieve information on your browser, mostly in the form of cookies. Control your personal Cookie Services here.

These cookies are necessary for the website to function and cannot be switched off in our systems.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
0