La manutenzione di un’auto elettrica: cosa c’e’ da sapere

Manutenzione

Uno degli aspetti importanti nella vita quotidiana di chi guida un’auto è sicuramente la manutenzione. Vediamo come si comportano sull’argomento le auto elettriche rispetto ai veicoli con motore a combustione.


Le auto elettriche hanno meno componenti rispetto alle equivalenti alimentate a benzina o diesel?

La risposta è sì, i veicoli elettrici a batteria [Battery electric vehicles (BEV)] hanno un numero molto minore di componenti rispetto ai veicoli convenzionali. Ad esempio un’auto a benzina può avere fino a 30.000 componenti, che includono il blocco motore, i pistoni e le valvole del motore a combustione, oltre a serbatoio, carburatore, pompe e filtri, fino ad arrivare al tubo di scappamento. Nessuno di questi elementi è invece presente in un’auto elettrica. Infatti i veicoli elettrici hanno un numero di componenti molto inferiore rispetto ad un’auto a benzina. 


Disegno tecnico Dyson
Disegno tecnico (Fonte: Dyson)

Uno studio di un laboratorio Americano ha confermato che mediamente le auto a benzina hanno centinaia di parti in movimento, mentre i veicoli elettrici ne hanno solo una, il motore.


Quindi i veicoli elettrici hanno costi di manutenzione inferiore rispetto agli equivalenti a benzina o diesel?

Secondo uno studio del 2018 dell’inglese CAP HPI, una società di analisi del gruppo Solera, leader nel settore dei dati legati all’automotive, il costo di manutenzione di un veicolo elettrico rispetto  ad uno con motore a combustione è mediamente del 23% in meno su un arco temporale di 3 anni (o 100.000 km).

L’analisi evidenzia anche che la differenza aumenta ulteriormente per le auto di piccole dimensioni. Ad esempio la manutenzione di una Renault Zoe costa mediamente il 35% in meno rispetto ad un’Opel Corsa! Allo stesso modo, manutenere una Nissan Leaf costa 1.350 €/anno contro i 1.650 € di una Volkswagen Golf 1.0 TSI 110 SE, con un risparmio quindi di circa il 19%.


Renault Zoe
Renault Zoe (Fonte: Renault)

A cosa è dovuto il risparmio? È una combinazione di fattori, legati principalmente al minor numero di parti in movimento e la minor usura dei componenti. Le stesse conclusioni sono confermate anche da uno studio del gruppo KeeResources, anche loro leader nell’analisi dei dati del mercato automotive. In base a tale studio, su un periodo di 4 anni (100.000 km), guidare un veicolo elettrico plug-in garantisce un notevole risparmio nei costi di manutenzione rispetto a percorrere gli stessi chilometri con un veicolo a benzina o diesel.


Oltre al risparmio economico, i veicoli elettrici hanno altri vantaggi nell’avere meno componenti rispetto ai veicoli con motore a combustione?

Decisamente sì. Innanzitutto si risparmia tempo, visto che non ci si deve ricordare in continuazione se si è fatta la manutenzione dei vari componenti. Ad esempio un’auto elettrica non richiede cambi d’olio, cambi dei filtri, verifiche periodiche del motore a scoppio, etc. Sicuramente una gestione semplificata per chi decide di guidare un veicolo elettrico!


Esternamente ci sono elementi che contraddistinguono un veicolo elettrico rispetto ad uno con motore a combustione?

I veicoli 100% elettrici sono, in effetti, facilmente riconoscibili. Innanzitutto non hanno il tubo di scappamento, utilizzato per l’emissione dei fumi esausti dal processo di combustione della benzina o del diesel.

Inoltre sono molto silenziose. Addirittura troppo, secondo l’Unione Europea, che dal 1° luglio 2019 obbliga i produttori di auto elettriche o ibride, di dotarle del sistema ‘AVAS’, che produce un suono artificiale di almeno 56 dB di intensità, e non superiore ai 75 dB, quando il veicolo viaggia sotto i 20 km/h, per renderlo udibile dai pedoni o dai ciclisti.


Stazione di ricarica
Stazione di ricarica in città

Ma quindi i veicoli elettrici non hanno bisogno di manutenzione?

Non esattamente. Come i veicoli a combustione, anche i veicoli elettrici richiedono manutenzione ordinaria per garantire il buon funzionamento quotidiano. Ad esempio, per questi elementi la manutenzione periodica rimane imprescindibile :

  • Gomme
  • Liquido dei freni
  • Pastiglie dei freni e dischi
  • Batteria

Ma sicuramente ci sono meno preoccupazioni rispetto alla gestione di un’auto a benzina o diesel!


Vai sulla nostra home page ed iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sulle ultima novità. E seguici anche su Facebook, LinkedIn e Twitter o visita il nostro shop online per accedere ai migliori prodotti da noi selezionati nel mercato della mobilità elettrica.


eo charging sistemi di ricarica

Per ricaricare comodamente a casa la vostra auto elettrica, offriamo una vasta gamma di stazioni di ricarica di alta qualità e ad alte prestazioni nel nostro e-shop.


Noi di e-zoomed siamo felici di offrirvi prodotti e informazioni legati alla mobilità elettrica:



Autore

Ashvin Suri

Ashvin ha lavorato in ambito energie rinnovabili, efficienza energetica e nel settore delle infrastrutture dal 2006. Si è appassionato per tutto quello che riguarda la transizione ad un’economia basata su basse emissioni di CO2 e mobilità elettrica. Ashvin ha iniziato la sua carriera lavorativa nel 1994 lavorando a New York in banche d’investimenti. Dopo il master presso la London Business School (1996-1998) ha continuato a lavorare nello stesso settore a Londra presso Flemings e, a seguire, JPMorgan. I suoi ruoli hanno sempre avuto parte nella consulenza finanziaria, fusioni e acquisizioni e raccolta di capitali per investimento. Ha lavorato in diversi mercati, tra cui ingegneria, aerospaziale, petrolifero, aereoportuale e automotive sia in Asia che in Europa. Nel 2010 è stato co-fondatore di una piattaforma per lo sviluppo di grossi impianti solari per investimento, sia a terra che a tetto, in UK, Italia, Germania e Francia. Ha fatto anche da consulente in diversi progetti nel campo delle energie rinnovabili (eolici e solari) per investitori istituzionali e produttori di energia indipendenti. È stato anche consulente in mercati internazionali, come l’India, compreso il TVS Group, gruppo Indiano leader nel mercato automotive. Ashvin è stato anche consulente per il gruppo Indian Energy facente parte del fondo Guggenheim (capitale da 165 miliardi di US$). È stato anche consulente per il gruppo AMIH (capitale 2 miliardi di US$, con sede a Singapore). Ashvin ha anche lavorato nel mercato immobiliare e in quello delle infrastrutture, compreso il Matrix Group (capitale 4 miliardi di US$) che ha lanciato il primo fondo istituzionale Indiano nel settore immobiliare, per il quale ha contribuito con un forte supporto istituzionale dai mercati UK e Europeo. È stato anche consulente nel settore delle infrastrutture per l’acqua potabile, incluso un Gruppo Svedese leader nel settore. Fa anche parte del comitato consultivo del Forbury Investment Network e nella startup di diverse società di capitale

Acquista un cavo di ricarica

Iscriviti alla nostra newsletter

In questo sito sono utilizzati cookies tecnici necessari per migliorare la navigazione e cookies di analisi per elaborare statistiche.

Puoi avere maggiori dettagli visitando la Cookie Policy e bloccare l'uso di tutti o solo di alcuni cookies, selezionando Impostazioni Cookies.
Selezionando Accetto esprimi il consenso all'uso dei suddetti cookies.

Privacy Settings saved!
Privacy Settings

When you visit any web site, it may store or retrieve information on your browser, mostly in the form of cookies. Control your personal Cookie Services here.

These cookies are necessary for the website to function and cannot be switched off in our systems.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
0