Quale è la differenza tra ibrido e ibrido plug-in?


Ibridi tradizionali, plug-in o veicoli puri elettrici: tutto chiaro?


Come dicevamo già in un altro articolo qualche tempo fa, non è facile districarsi nella terminologia del nuovo mondo elettrico. Tutto questo porta l’utente a dover affrontare il passaggio verso questo nuovo mondo avendo difficoltà a capire i termini corretti da usare, o usati, nelle diverse situazioni.

Proviamo ad aiutarvi noi riprendendo i concetti base dei veicoli ibridi, cercando di semplificare al meglio i concetti principali.


Toyota Prius Hybrid [Fonte: Toyota]

Partiamo dalla definizione: “ibridofa riferimento a “cose ottenute unendo elementi diversi”. In campo automobilistico, il termine ibrido è utilizzato principalmente per indicare un veicolo alimentato da 2 diverse fonti. 

I veicoli ibridi convenzionali (o tradizionali, o semplicemente ‘ibridi’) sono sul mercato da almeno una ventina d’anni, e sono caratterizzati dall’abbinamento di un motore a benzina o diesel con un motore alimentato da energia elettrica.

L’esempio più noto è sicuramente la Toyota Prius, che dal 1997 percorre le strade di tutto il mondo promuovendo di fatto il ritorno dei veicoli elettrici sul mercato dopo il predominio dei motori a combustione.

Il vantaggio di questa vettura, così come delle altre di questa tipologia, è che a basse velocità sfruttano quasi integralmente la potenza del motore elettrico senza ricorrere a quello a combustione, situazione che si ribalta all’aumentare della velocità, della distanza o dalla necessità di spunto. In base alle esigenze, i 2 motori possono funzionare anche contemporaneamente, in modo da ottimizzarne prestazioni e consumi.

A livello pratico, quindi, sono auto perfette per i circuiti cittadini, non a caso sono modelli utilizzati moltissimo dai taxisti delle principali città Italiane.

I veicoli ibridi plug-in (o PHEVs, Plug-in hybrid Vehicles) sono a loro volta alimentati da 2 diverse fonti energetiche, una sempre basata su motore endotermico, un’altra, invece, legata ad una sorgente elettrica collegata con una batteria d’accumulo.

Rispetto agli ibridi convenzionali, riescono però a viaggiare in modalità “pura elettrica” anche a velocità più elevate e distanze maggiori, raggiungendo anche i 50 km di autonomia.


Range Rover ibrida plug-in [Fonte: LandRover]

La differenza fondamentale tra le 2 tipologie è però la necessità, per gli ibridi plug-in, di essere collegati ad un sistema di ricarica per poter alimentare le batterie, mentre quelli tradizionali utilizzano principalmente il recupero di energia nelle fasi di rallentamento e di frenata. Per distinguerle a colpo d’occhio, se non si vedono cavi di ricarica, sicuramente non è un veicolo ‘plug-in’! Mentre caratteristica comune è la silenziosità e la possibilità di percorrere diversi chilometri a zero emissioni.


Cavi di ricarica

Nel caso di veicoli ibridi plug-in, le batterie hanno dimensioni e capacità (kWh) maggiori rispetto agli ibridi tradizionali, permettendo tragitti di breve e media distanza. Andare al lavoro, a far la spesa o portare i bambini a scuola sono possibili senza consumi anche con gli ibridi convenzionali, ma è più probabile che i tragitti siano davvero a zero emissioni con le versioni plug-in, che permettono anche brevi gite fuori porta in modalità totalmente elettrica.

Un esempio è la Hyundai Ioniq ibrida plug- in, che permette di raggiungere un’autonomia di 63 km in modalità puramente elettrica. Nel caso le batterie si scarichino, no problem. Il sistema di guida attiva immediatamente il motore a benzina, e si prosegue il percorso senza accorgersi della differenza (salvo che, da quel momento, si inizia a inquinare!).


Hyundai Ioniq [Fonte: Hyundai]

L’autonomia combinata dei motori benzina + elettrico della Ioniq è di oltre 1.000 km, grazie al motore a benzina da 1.6 l. e la batteria agli ioni di litio da 8.9 kWh. È evidente che la batteria ha dimensioni e capacità ridotte rispetto ai veicoli puri elettrici, tipo la Nissan Leaf, la cui batteria ha una capacità di oltre 60 kWh e, di conseguenza, un’autonomia (dichiarata) di quasi 380 km!

Un veicolo ibrido plug-in è quindi perfetto per chi vuole avvicinarsi al mondo elettrico ad un costo iniziale di acquisto del veicolo ridotto rispetto all’auto 100% elettrica, specie se le distanze medie percorse sono limitate. In questo caso si riescono così ad ottimizzare i costi di gestione e a contribuire alla diminuzione di emissioni in ambiente. Tornando alla Ioniq, infatti, le emissioni di CO2 sono ridotte a 79 g/km.           


La nostra opinione


L’introduzione sul mercato degli ibridi tradizionali è nata dall’esigenza delle case automobilistiche di iniziare a progettare e realizzare veicoli più eco-sostenibili a prezzi accessibili al grande pubblico. Il passaggio dall’ibrido tradizionale all’ibrido plug-in è stato quasi una naturale evoluzione nel percorso che porta allo sviluppo di soluzioni per la mobilità davvero a zero emissioni, e sicuramente ha dato più sicurezza a chiunque volesse iniziare il passaggio alla mobilità elettrica, riducendo la preoccupazione per i possibili problemi di autonomia, in un momento in cui la presenza di sistemi di ricarica sul territorio non era ancora così estesa.

Ma con l’accelerata che sta avendo la transizione ai veicoli puri elettrici, non è difficile immaginare che nei prossimi anni questi modelli, insieme a quelli a combustione tradizionale a benzina o diesel, usciranno di scena per lasciare spazio ai veicoli puri elettrici.


Vai sulla nostra home page ed iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sulle ultima novità. E seguici anche su Facebook, LinkedIn e Twitter o visita il nostro shop online per accedere ai migliori prodotti da noi selezionati nel mercato della mobilità elettrica.



Autore

Roberto Canu

Laureato in Ingegneria Elettronica, Roberto è il co-fondatore di GBSOLS S.r.l. (Green Building Solutions), società dedicata allo sviluppo del mercato dell’efficienza energetica e delle energie rinnovabili. In precedenza è stato co-fondatore di Myenergy S.r.l., che dal 2006 è cresciuta nel mercato del fotovoltaico in Italia, e ancora prima ha rivestito diversi ruoli manageriali in Hewlett Packard come responsabile di team internazionali e di progetti multi-organizzazione. E' parte dello staff manageriale di e-zoomed sin dall'inizio del progetto, con il ruolo di responsabile dello sviluppo in Italia e CTO del gruppo.

Visita il nostro shop online

Iscriviti alla nostra newsletter

In questo sito sono utilizzati cookies tecnici necessari per migliorare la navigazione e cookies di analisi per elaborare statistiche.

Puoi avere maggiori dettagli visitando la Cookie Policy e bloccare l'uso di tutti o solo di alcuni cookies, selezionando Impostazioni Cookies.
Selezionando Accetto esprimi il consenso all'uso dei suddetti cookies.

Privacy Settings saved!
Privacy Settings

When you visit any web site, it may store or retrieve information on your browser, mostly in the form of cookies. Control your personal Cookie Services here.

These cookies are necessary for the website to function and cannot be switched off in our systems.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
0