Guida alla batteria di un monopattino elettrico

monopattino elettrico egret


Se volete acquistare un monopattino elettrico, allora dovete prestare attenzione a una serie di parametri, tra cui la batteria


La batteria è una parte fondamentale del monopattino elettrico, quella che ne determina l’autonomia. Insieme a portatavelocità e ruote, la batteria è uno dei criteri che influiscono maggiormente nella scelta del proprio monopattino.

La batteria è paragonabile al serbatoio dell’auto, che immagazzina il carburante che consente il movimento dell’auto. Allo stesso modo l’energia elettrica accumulata nella batteria alimenta il monopattino elettrico (motore, luci, controller, ecc).

La maggior parte dei monopattini elettrici presenta una batteria agli ioni di litio, caratterizzata da una buona densità energetica e longevità.

Molti monopattini elettrici per bambini e i modelli più economici contengono batterie al piombo. In un monopattino, il pacco batteria è composto da celle individuali e da componenti elettronici, mantenuto in funzione da un sistema di gestione della batteria che ne rende sicuro l’utilizzo.

I pacchi batteria più grandi hanno maggiore capacità, quindi maggiore durata, e permetteranno a un monopattino elettrico di percorrere distanze maggiori. In questo caso, però, aumentano anche le dimensioni e il peso del monopattino, rendendo più difficile il trasporto.

La batteria è una delle componenti più costose del monopattino elettrico; il costo complessivo del prodotto aumenta infatti in relazione alla dimensione dalla batteria: più un monopattino è performante, più sarà costoso.

Avere una batteria con capacità maggiore può essere necessario in caso di tragitti lunghi, ma considerate che potete ricaricare il monopattino elettrico una volta arrivati a destinazione (vi basta una presa di corrente).


Iscriviti alla nostra newsletter

Capacità della batteria


La capacità della batteria è misurata in watt ora (Wh).

La maggior parte dei monopattini elettrici ha una capacità media di circa 250 Wh, per cui sarà possibile percorrere circa 16 km ad una velocità media di 24 km/h.

È sempre meglio privilegiare monopattini elettrici di qualità, come Z, Egret o The Urban, che usano solo componenti di ottimo livello.

 


Z8 PRO


monopattino elettrico z8pro
Monopattino elettrico Z8 PRO [Fonte: Z]

 


Batteria da 48V
Autonomia fino a 50 km (dipende da fattori quali lo stile di guida, il peso del conducente e il tipo di strada)
Velocità massima fino a 50 km/h (il Codice della Strada prevede un limite di velocità a 25 km/h)
Il tempo di ricarica varia dalle 2 alle 4 ore, a seconda del livello della batteria
È disponibile nel nostro e-shop

The Urban #HMBRG V1


Monopattino elettrico
Monopattino elettrico The Urban [Fonte: The Urban]

Batteria da 36V
Autonomia fino a 25 km (dipende da fattori quali lo stile di guida, il peso del conducente e il tipo di strada)
Velocità massima fino a 28 km/h (il Codice della Strada prevede un limite di velocità a 25 km/h)
Ricarica al 70% in 2 ore, completa fino a 4 ore
È disponibile nel nostro e-shop

Egret TEN V3


Monopattino elettrico egret
Monopattino elettrico Egret [Fonte: Egret]

Batteria da 48V
Autonomia fino a 42 km (dipende da fattori quali lo stile di guida, il peso del conducente e il tipo di strada)
Velocità massima fino a 30 km/h (il Codice della Strada prevede un limite di velocità a 25 km/h)
Ricarica al 70% in 2 ore, completa fino a 4 ore
È disponibile nel nostro e-shop

Durata della batteria


Una batteria agli ioni di litio è in grado di gestire da 300 a 500 cicli di ricarica/scarica prima di diminuire di capacità. Per un monopattino elettrico di fascia media significa percorre tra i 6000 e i 16000 km, a seconda dell’utilizzo.

Una progressiva riduzione della capacità non significa una perdita completa di tutta la capacità, ma si tratta di un calo del 10-20% che continuerà ad aumentare con il tempo e l’utilizzo. I moderni sistemi di gestione della batteria contribuiscono a prolungarne la durata.


Manutenzione della batteria


Una buona manutenzione è fondamentale per conservare al meglio il proprio monopattino elettrico. Dopo un uso costante, soprattutto se intenso, la batteria può cominciare a dare problemi.

Per allungare la vita della batteria basta seguire alcune accortezze.

  • La batteria dovrebbe essere sempre caricata a freddo: è bene evitare la ricarica appena dopo l’utilizzo del monopattino elettrico.
  • Se possibile, conservare il monopattino (e quindi la batteria) in uno spazio fresco e asciutto, non in luoghi caldi e umidi.
  • Non portare la batteria a completo scaricamento, ma cercare sempre di rimetterla in carica quando è intorno al 10/15% di carica.
  • Non lasciare la batteria in carica per troppe ore. Una volta caricata la batteria è bene staccarla dalla presa, per evitare danni.

Nel nostro shop, troverete una selezione di cavi di alta qualità sia di Tipo 1 che di Tipo 2, disponibili da 2 a 25 metri, tra cui una serie di cavi progettati appositamente per la ricarica di veicoli Tesla.

Cavo di ricarica auto elettriche trifase

 


Autore

Ashvin Suri

Ashvin ha lavorato in ambito energie rinnovabili, efficienza energetica e nel settore delle infrastrutture dal 2006. Si è appassionato per tutto quello che riguarda la transizione ad un’economia basata su basse emissioni di CO2 e mobilità elettrica. Ashvin ha iniziato la sua carriera lavorativa nel 1994 lavorando a New York in banche d’investimenti. Dopo il master presso la London Business School (1996-1998) ha continuato a lavorare nello stesso settore a Londra presso Flemings e, a seguire, JPMorgan. I suoi ruoli hanno sempre avuto parte nella consulenza finanziaria, fusioni e acquisizioni e raccolta di capitali per investimento. Ha lavorato in diversi mercati, tra cui ingegneria, aerospaziale, petrolifero, aereoportuale e automotive sia in Asia che in Europa. Nel 2010 è stato co-fondatore di una piattaforma per lo sviluppo di grossi impianti solari per investimento, sia a terra che a tetto, in UK, Italia, Germania e Francia. Ha fatto anche da consulente in diversi progetti nel campo delle energie rinnovabili (eolici e solari) per investitori istituzionali e produttori di energia indipendenti. È stato anche consulente in mercati internazionali, come l’India, compreso il TVS Group, gruppo Indiano leader nel mercato automotive. Ashvin è stato anche consulente per il gruppo Indian Energy facente parte del fondo Guggenheim (capitale da 165 miliardi di US$). È stato anche consulente per il gruppo AMIH (capitale 2 miliardi di US$, con sede a Singapore). Ashvin ha anche lavorato nel mercato immobiliare e in quello delle infrastrutture, compreso il Matrix Group (capitale 4 miliardi di US$) che ha lanciato il primo fondo istituzionale Indiano nel settore immobiliare, per il quale ha contribuito con un forte supporto istituzionale dai mercati UK e Europeo. È stato anche consulente nel settore delle infrastrutture per l’acqua potabile, incluso un Gruppo Svedese leader nel settore. Fa anche parte del comitato consultivo del Forbury Investment Network e nella startup di diverse società di capitale

Acquista prodotti di mobilità elettrica

Iscriviti alla nostra newsletter

In questo sito sono utilizzati cookies tecnici necessari per migliorare la navigazione e cookies di analisi per elaborare statistiche.

Puoi avere maggiori dettagli visitando la Cookie Policy e bloccare l'uso di tutti o solo di alcuni cookies, selezionando Impostazioni Cookies.
Selezionando Accetto esprimi il consenso all'uso dei suddetti cookies.

Privacy Settings saved!
Privacy Settings

When you visit any web site, it may store or retrieve information on your browser, mostly in the form of cookies. Control your personal Cookie Services here.

These cookies are necessary for the website to function and cannot be switched off in our systems.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
0